Mantenete la calma

Rassegnatevi: gli imprevisti talvolta succedono e non c’è modo di evitarli. Si può però provare a prepararsi, ad esempio considerando i possibili inconvenienti prima che accadano e progettando strategie per correre ai ripari; muoversi con anticipo vi darà il tempo di affrontare ogni circostanza. Sorridete e siate sereni (il più possibile!): trasmetterete la vostra calma anche ai figli.

 

Image Credits: smengelsrud/Snapwire

Bagagli: meno è meglio!

Se non state partendo per una spedizione nel deserto o nella giungla, vi sarà possibile acquistare quasi ovunque quasi tutto ciò che può servire. Perciò non riempite le vostre valige, ma abbiate cura di selezionare l’essenziale di cui non potrete fare a meno. Informatevi sulle condizioni climatiche della vostra meta e privilegiate abiti e scarpe leggeri e comodi, magari in materiale tecnico (che ingombra meno e asciuga prima), lasciando scegliere anche ai più piccoli un loro capo preferito da portare. Zaini leggeri aiuteranno a ridurre le lamentele!

 

Per mini-viaggiatori…

Se viaggiate con un neonato non può mancare l’apposita borsa con pannolini, salviette, cambi di indumenti, sacchetti, ciucci di scorta, copertina per difendersi dall’aria condizionata, il pupazzetto preferito, oltre all’occorrente per allattamento/pappa, snack o caramelle per i più grandicelli: mangiare in volo può tenere occupati i bambini, inoltre la deglutizione allevia il fastidio degli sbalzi di pressione. In aereo i neonati fino a 24 mesi possono viaggiare in braccio ai genitori; oltre i 2 anni è possibile imbarcare un seggiolino omologato per rendere più comodo il sedile o richiedere l’apposito dispositivo. Un accorgimento? Se possibile, prenotate i voli all’ora della nanna.

 

La salute prima di tutto

Indispensabile un kit medicinale di base, che preveda: termometro, cerotti e garze, antisettico ad uso topico, paracetamolo (preferibilmente per via orale), bustine di sali reidratanti, fermenti lattici, antistaminico, un antibiotico ad ampio spettro (non da frigo), collirio e soluzione fisiologica. Da non scordare anche repellente per zanzare, protezione solare e pomata per le scottature. Prima di partire informatevi se la vostra meta richiede specifiche vaccinazioni o profilassi, da programmare per tempo prima della partenza, e portate con voi la tessera sanitaria.

 

Stratagemmi salva-vacanza

Fondamentale avere sempre a portata di mano soluzioni per distrarsi e sconfiggere la noia, o quegli oggetti particolarmente cari ai vostri bambini: peluche, giochi, libri, dispositivi per la musica, colori… li terranno occupati durante il viaggio e nei momenti di pausa e aiuteranno loro, e di conseguenza anche voi, a rilassarsi! Utile e divertente anche stilare (e perché no, inventare) una lista di “giochi da viaggio” da giocare con tutta la famiglia mentre si è in giro con qualsiasi mezzo.

Programmare, ma non troppo

Non fatevi cogliere impreparati: prenotate le attività che vi interessano, avendo cura di sceglierle equamente dedicate ai grandi, ai piccini e a tutta la famiglia; per i più smart, la tecnologia offre una varietà di app con guide e mappe online per soddisfare le esigenze di tutti in un clic e semplificarvi la vita in viaggio. Se siete degli stacanovisti delle escursioni, non mancate di inserire nel vostro programma anche momenti di semplice svago e relax, come una siesta in un prato o una tranquilla passeggiata con gelato. E ogni tanto lasciatevi anche guidare dove vi portano i vostri piedi, grandi o piccini.

 

Coinvolgete i bambini

Abituare i bambini fin da piccoli a viaggiare stimolerà il loro interesse, la voglia di esplorare il mondo e la capacità di adattarsi. Perciò coinvolgeteli nel viaggio fin dalle prime fasi dell’organizzazione, ciascuno secondo la sua età: chiedete il loro parere e consiglio e dategli la possibilità di decidere alcune mete e attività, spiegate come vi sposterete e cercate insieme informazioni sui luoghi che visiterete spulciando guide, mappe e mappamondi, fatevi aiutare a preparare le valige. Se sono abbastanza grandi potete proporre di tenere un diario di viaggio o dotarli di una macchina fotografica per documentare la loro esperienza in prima persona. Al rientro, costruite insieme una scatola dei ricordi dove conservare biglietti, conchiglie, souvenir e tutti i cimeli raccolti!

Coltivate la loro curiosità e nel farlo divertitevi insieme, perché in fondo ogni viaggio è sempre una nuova avventura!